fbpx
Tavola disegno 4 copia 7

La giornata di studio europea a Madrid – 14 febbraio 2022

La giornata di studio europea sul fenomeno delle migrazioni dal titolo Identità e Relazione a Madrid si è svolta il 14 febbraio. Oltre 1.500 studentesse e studenti collegati e trecento studenti italiani ed europei presenti fisicamente a Madrid. Una giornata ricca d’incontri, testimonianze.

Tanti momenti diversi: momenti per riflettere, momenti per emozionarsi, momenti in cui mettere in discussione la propria identità e il concetto di “relazione con gli altri”. Gli studenti hanno avuto l’opportunità di ascoltare Angela Caponnetto giornalista di Rainews24, Nello Scavo di Avvenire, il giornalista spagnolo Fernando De Haro e il filosofo Umberto Curi. Le voci di chi racconta, testimonia, denuncia ciò che accade quotidianamente lungo le tante frontiere della nostra Europa. Da Lampedusa porta d’Europa, alla rotta balcanica sino alla rotta atlantica: flussi distanti e storie diverse si intrecciano per narrare realtà quotidiane, così tragicamente complesse, dove l’ingiustizia è padrona.

“E’ emozionante vedere gli stessi studenti incontrati a Lampedusa insieme agli altri a Madrid. Il nostro obiettivo è ampliare il loro sguardo sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione. Non si può cancellare il passato ma possiamo fare in modo che non capiti più” dice Tareke Brhane, presidente del Comitato 3 ottobre, dopo aver raccontato la sua storia di migrante arrivato anche lui su un barcone nel 2005, Girare per le scuole, parlare con i ragazzi, sentire le loro richieste di aiuto per comprendere cose che non sempre sono chiare ai più giovani, condividere con loro il nostro bagaglio di esperienza sul campo è un modo per andare oltre una narrazione asettica.  Ed è così che il nostro lavoro, uscendo dal mero racconto della fredda cronaca, diventa altro: diventa Storia”.

Altri articoli

Italia e migrazioni: facciamo chiarezza

Viaggi organizzati, taxi del mare, pull factor per le partenze, centri sociali galleggianti, sbarchi selettivi, carico residuale. Ancora una volta prevalgono gli